Alfa Romeo-Sauber C37: scopriamola insieme! [GALLERY]

Il team Alfa Romeo Sauber F1 ha lanciato il suo nuovo cavallo di battaglia, il C37, in vista del campionato di Formula 1 2018.

Il C37 ha un aspetto diverso rispetto al C36 dello scorso anno: da un lato, questo è dovuto ai nuovi regolamenti tecnici e, dall’altro, a causa del nuovo approccio tecnico del team.

Mentre la stagione 2018 sta per iniziare, Frédéric Vasseur, Team Prinicpal, ha dichiarato: “Non vedo l’ora che arrivi la stagione 2018 e di vedere in pista Marcus (Ericsson) e Charles (Leclerc). Negli ultimi mesi abbiamo fatto un sacco di sforzi e di duro lavoro nella C37, ed è fantastico lanciare la nuova vettura oggi. Sono convinto che Marcus e Charles formino la formazione di piloti perfetta, con uno che è un pilota esperto e uno un debuttante promettente. Marcus sta andando alla sua quarta stagione con noi. È una parte preziosa del team e beneficiamo della sua esperienza e di un preciso riscontro tecnico. Per quanto riguarda Charles, ha dimostrato il suo talento nelle categorie precedenti e merita di essere nella griglia di Formula 1 in questa stagione. ”

“Il nostro obiettivo prima del 2018 è chiaro: dobbiamo recuperare terreno e continuare a migliorare le nostre prestazioni nel corso della stagione. Abbiamo messo molta energia e impegno nello sviluppo del C37. Voglio ringraziare i nostri partner e fan per il loro continuo supporto. Il ritorno di Alfa Romeo in Formula 1 segna un’altra pietra miliare nella storia della squadra, e sono orgoglioso che un marchio così storico ci abbia scelto per il loro ritorno nello sport. Siamo desiderosi di iniziare la stagione 2018 come Alfa Romeo Sauber F1 Team “, continua Vasseur.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La rimonta dell’Alfa Romeo restituisce uno dei grandi nomi che sono passati alla storia del campionato premium del motorsport, la Formula 1, e segna il ritorno del “Quadrifoglio”, il leggendario distintivo che è apparso sulle vetture più performanti dell’Alfa Romeo dal 1923, a i circuiti. Presentato sulla copertura del motore della nuova C37, il famoso portafortuna ha una storia affascinante, profondamente radicata nel mondo delle corse. La prima auto Alfa Romeo a reggere il Quadrifoglio fu la “RL” guidata da Ugo Sivocci che vinse la quindicesima edizione della Targa Florio nel 1923. Lo stesso emblema portafortuna apparve anche nella “P2” di Brilli Peri quando trionfò nel primo “Campionato del mondo di corse automobilistiche” a Monza nel 1925, ottenendo il primo dei cinque titoli mondiali dell’Alfa Romeo, e fu nuovamente presente nel 1950 e nel 1951, quando Giuseppe “Nino” Farina e Juan Manuel Fangio guidarono le vetture Alfa Romeo 158 e 159, le famose “Alfette”, al successo nei primi due Mondiali di Formula 1. Oggi il leggendario simbolo torna al più alto livello delle corse automobilistiche per mostrare al mondo intero la forza e il successo continui della filosofia Alfa Romeo, una costante ricerca dell’eccellenza applicata alle corse, per poi essere trasferita nella sua interezza alle auto di serie del marchio. La leggenda continua.

Jörg Zander, Direttore tecnico, spiega: “È fantastico poter finalmente rivelare la C37 oggi. Lo sfidante del 2018 è il risultato del duro lavoro che tutti in fabbrica hanno fatto negli ultimi mesi. Parlando della C37, la filosofia dell’auto è molto diversa da quella della C36. Il concetto aerodinamico è cambiato in modo significativo e il C37 ha diverse nuove funzionalità rispetto al suo predecessore. Siamo convinti che il nuovo concetto ci offra maggiori opportunità e ci aiuterà a migliorare nel corso della stagione. Il motore Ferrari 2018 ci darà anche una spinta in termini di prestazioni. Speriamo di fare progressi con la C37 e di essere più competitivi rispetto al 2017. “

Luigi Gueli

Classe 1996. Studente di Ingegneria Aerospaziale.
Da sempre nutre la passione per tutto ciò che ammette movimento, 4 e 2 ruote comprese.

You may also like...