F1 2018: la preview della nuova stagione

Terminata la stagione 2017, diamo un’anticipazione di quella che sarà la nuova “season” . Tante le novità.

Archiviata la stagione 2017 con l’ennesimo trionfo delle “Silver Arrows”, sia nella classifica piloti che costruttori, il nuovo anno ci riserva numerose novità all’interno del Circus, a partire da Alfa Romeo: la casa di Arese ha stretto un accordo con la scuderia di Hinwil, Sauber F1 Team, che consentirà la cooperazione strategica e tecnologica in tutte le aree di sviluppo, anche attraverso la condivisione di ingegneri e personale tecnico specializzato. I piloti sono già stati designati, Marcus Ericsson e Charles Leclerc, quest’ultimo campione di F2 2017.

Da un punto di vista tecnico le monoposto non subiranno eclatanti cambiamenti se non che l’eventuale abolizione della SharkFinn, la “pinna” presente al retrotreno -vettura non molto gradita dagli americani di Liberty Media e del MonkeySeat, utilizzato per energizzare i gas di scarico alla ricerca del carico aerodinamico. D’altro canto per incentivare la safety dei piloti, le vetture saranno dotate di Halo, il famoso dispositivo approvato dalla FIA per la sicurezza della testa del pilota. Un sistema che andrà implementato nei progetti del 2018 tenendo presenti anche tutte le ricadute dal punto di vista aerodinamico e prestazionale della vettura. Da ricordare che verrà utilizzato anche nelle altre categorie, come la Formula 2.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il regolamento 2018 consentirà di utilizzare solo 3 power unit a stagione, una soluzione che se da un lato garantirà ai team clienti la riduzione dei costi, dall’altro potrebbe portare le scuderie a dover affrontare problemi di affidabilità, legati alla capacità dei propulsori di macinare un maggior numero di km senza incorrere in guasti o problemi tecnici. Il risvolto positivo è per lo show, infatti in Formula 1, quando si alza l’asticella di difficoltà, i colpi di scena e lo spettacolo sono sempre garantiti.

La gamma di mescole Pirelli 2018 è più ampia che mai, sono sette in totale. Una serie caratterizzata da gomme mediamente più morbide, pensata per i circuiti meno severi. Le novità sono due, la superhard con banda arancione e la hypersoft contraddistinta dal colore rosa. I due compound si posizionano alle due estremità della gamma: uno più duro della hard che acquisirà il colore “ice blue”, l’altro ancora più morbido della ultrasoft. I due giorni di test dopo il gran premio di Abu Dhabi hanno dato sensazioni positive a tutti i piloti che hanno mostrato grande entusiasmo soprattutto per la hypersoft.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il calendario comprenderà 21 Gran Premi,  uno in più rispetto al 2017: il Gran Premio di Francia che si terrà al circuito Le Castellet-Paul Ricard, mentre il Gran Premio della Malesia viene sostiuito con il Gran premio di Germania all’ Hockenheimring.

Date Round Formula 1 Grand Prix
25 Marzo Melbourne Australia
8 Aprile Sakhir Bahrain
15 Aprile Shanghai China
29 Aprile Baku Azerbaijan
13 Maggio Barcelona Spain
27 Maggio Monaco Monaco
10 Giugno Montreal Canada
24 Giugno Le Castellet France
1 Luglio Spielberg Austria
8 Luglio Silverstone Great Britain
22 Luglio Hockenheim Germany
29 Luglio Budapest Hungary
26 Agosto Spa-Francorchamps Belgium
2 Settembre Monza Italy
16 Settembre Singapore Singapore
30 Settembre Sochi Russia
7 Ottobre Suzuka Japan
21 Ottobre Austin USA
28 Ottobre Mexico City Mexico
11 Novembre Sao Paulo Brazil
25 Novembre Yas Marina Abu Dhabi

 

Luigi Gueli

Classe 1996. Studente di Ingegneria Aerospaziale.
Da sempre nutre la passione per tutto ciò che ammette movimento, 4 e 2 ruote comprese.

You may also like...

Motor Racing League plugin by Ian Haycox