Sébastien Ogier vince il Rally di Monte-Carlo 2018

Il 5 volte iridato detta legge nella gara di casa regalando a Ford la vittoria. Strepitosa Toyota che piazza 2 vetture sul podio con un grande Tanak e Latvala. Meeke salva il weekend Citroen con il 4° posto.

Imbattibile. Non ci sono altri aggettivi per definire Sébastien Ogier tra le strade di casa. Nel primo pomeriggio di oggi il francese del team M-Sport Ford ha centrato la prima vittoria stagionale al Rallye Monte-Carlo, primo appuntamento del World Rally Championship 2018, in maniera perentoria, comandando la classifica generale dalla prima sino all’ultima speciale.

Per Ogier è il quinto successo assoluto e consecutivo nel Principato di Monaco, anche se la gara si svolge sulle strade adiacenti il suo paese natale, Gap. Sébastien ha fatto subito la differenza facendo selezione nella difficilissima PS1 di Sisteron. Una prova disputata tra neve, ghiaccio e oscurità in cui tutti hanno avuto ben più di un problema.

Anche Ogier ha rischiato di uscire immediatamente, ma ha fortunatamente evitato impatti con alberi e rocce, ma anche banchi di neve, ovvero quegli ostacoli che, a conti fatti, hanno beffato in maniera differente quasi tutti i suoi avversari. Dopo quella prova Ogier ha dovuto tenere a bada un solo avversario, un grande Ott Tanak, che ha impressionato essendo all’esordio con un nuovo team – Toyota – e la Yaris WRC.

Il duello si è prolungato sino alle prime speciali di questa mattina, quando Ogier ha fatto la differenza ancora una volta sul ghiaccio. Tanak ha così preferito portare a casa un risultato di assoluto valore, considerando che alla vigilia nessuno avrebbe pronosticato una Yaris così forte e in forma a Monte-Carlo. Nel corso dell’inverno il team giapponese ha fatto davvero un capolavoro nella preparazione della vettura, che ora partirà favorita al Rally di Svezia, prossimo appuntamento WRC.

A certificare la forza della vettura nipponica e degli equipaggi Toyota ecco il terzo posto artigliato da Jari-Matti Latvala, al secondo podio a Monte-Carlo con il team diretto da Tommi Makinen dopo il secondo posto ottenuto nella giornata di ieri. Latvala è rimasto in lotta con il compagno di squadra Esapekka Lappi fino alla metà della seconda tappa, poi il 27enne ha forato nella PS11 e per Jari-Matti è stato un gioco da ragazzi mettere al sicuro un risultato importante per il suo campionato.

Per Lappi invece arriva la certezza di essere tra i piloti più forti in ottica futura. Il settimo posto di oggi, arrivato all’esordio a Monte-Carlo ma dopo un errore nella Power Stage che gli ha fatto perdere il quarto posto, mostra come Esapekka sia pronto per lottare già per risultati importanti in pianta stabile dal punto di vista della prestazione pura, ma che dovrà lavorare per limare certi errori per diventare in pianta stabile uno dei piloti più forti del panorama WRC nei prossimi anni.

Bella lotta finale per il quarto posto che ha coinvolto tre piloti e altrettante vetture differenti. Nella Power Stage Kris Meeke (Citroen) si è presentato davanti a Elfyn Evans (Ford) e Thierry Neuville (Hyundai). Ad avere la meglio al termine dell’ultima prova è stato Meeke, autore di un tempo eccezionale nell’ultima speciale con cui ha preceduto Neuville ed Evans. L’errore finale di Lappi ha consentito a tutti e tre di recuperare una posizione nella classifica generale in un momento della gara in cui tutto sembrava cristallizzato.

Evans e Neuville hanno subito dovuto spegnere i loro pensieri di successo sin dalla PS1. Il belga della Hyundai è finito in un banco di neve nella sezione ghiacciata della prova, rimanendoci per ben 4′ fino all’arrivo dei primi tifosi, che lo hanno aiutato a rimettersi in strada. E’ andata male anche al gallese di M-Sport Ford, perché sempre in quella speciale ha forato una gomma e si è dovuto accostare a bordo strada per sostituirla. Anche in questo caso ha perso tanti minuti dal compagno di squadra.

Per quanto riguarda i compagni di squadra di Neuville, hanno dovuto fare i conti con sfortuna ed errori. Andreas Mikkelsen è stato costretto al ritiro al termine della PS3 mentre era in seconda posizione nella generale a causa di un guasto all’alternatore della sua Hyundai i20 Coupé WRC numero 4, mentre Daniel Sordo ha commesso un errore finendo in un fosso nella PS9, al chilometro 2. Al momento del ritiro si trovava in terza posizione nella generale.

Dopo tutte le avversità che ha dovuto affrontare prima di iniziare il Rallye Monte-Carlo 2018, Bryan Bouffier è riuscito a chiudere a punti, all’ottavo posto, una gara in cui ha commesso errori, ma ha anche saputo portare a termine con esperienza nonostante avesse pochi chilometri alle spalle al volante di una vettura WRC Plus. Sfortunato anche Craig Breen, tra i migliori nelle prime speciali e costretto a rallentare già nella PS3 a causa di un guasto ai freni sulla sua Citroen C3 WRC ufficiale a causa di un impatto con una roccia di dimensioni piuttosto contenute. Questo problema è perdurato per 3 prove, sino al service di metà giornata della Tappa 1. Troppo per riuscire a resistere e rimanere a contatto con i migliori.

Per la cronaca, la Power Stage è stata vinta da Kris Meeke con un tempo eccezionale, precedendo per pochi secondo Thierry Neuville. Terzo Andreas Mikkelsen, davanti alla Toyota di Latvala e alla Ford Fiesta di Ogier, che ha così portato a casa un punto ulteriore oltre ai 25 ottenuti dalla vittoria assoluta della gara monegasca.

Skoda Motorsport può festeggiare l’ennesima vittoria degli ultimi anni a Monte-Carlo grazie a una grande e solida prova di Jan Kopecky, che ha sbaragliato la concorrenza sin dalla prima prova speciale e ha ottenuto una vittoria con un gap di larghe proporzioni nei confronti dei suoi principali rivali. Seconda posizione per il giovane Kalle Rovanpera, che è stato bravo a evitare grosse sbavature finendo meritatamente per chiudere alle spalle del ben più esperto compagno di squadra.

Una grande doppietta per la Casa di Mlada Boleslav, che ha anche piazzato sul podio il privato svizzero Oliver Burri su Fabia R5, mentre per M-Sport è stato un weekend da dimenticare. Sia Teemu Suninen che Eric Camilli sono finiti fuori strada nella prima tappa, costretti alla resa immediata. Peccato, perché entrambi avevano fatto segnare prestazioni di alto livello.

Rallye Monte-Carlo 2018 – Classifica finale

      Posizione Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco
1 Ogier/Ingrassia Ford Fiesta WRC 4.18’55”5
2 Tanak/Jarveoja Toyota Yaris WRC +58″3
3 Latvala/Anttila Toyota Yaris WRC +1’52″0
4 Meeke/Nagle Citroen C3 WRC +4’43″1
5 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC +4’53″8
6 Evans/Barritt Ford Fiesta WRC +4’54″8
7 Lappi/Ferm Toyota Yaris WRC +4’57″5
8 Bouffier/Panseri Ford Fiesta WRC +7’39″5
9 Breen/Martin* Citroen C3 WRC +9’06″7
10 Kopecky/Dresler Skoda Fabia R5 +16’43″0

* 10″ di penalità

Luigi Gueli

Classe 1996. Studente di Ingegneria Aerospaziale.
Da sempre nutre la passione per tutto ciò che ammette movimento, 4 e 2 ruote comprese.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*