Tocca alla Renault! Ecco la R.S.18 [GALLERY]

E’ stata appena presentata la nuova vettura “francese” tramite i canali social della scuderia.

l produttore francese, che ha rivelato la sua nuova macchina in una presentazione online, è arrivato sesto nella classifica costruttori lo scorso trimestre – tre posizioni in più rispetto al 2016.I piloti Nico Hulkenberg e Carlos Sainz sperano in ulteriori progressi quest’anno, anche se ci si aspetta che facciano fronte alla dura concorrenza dei team clienti della Renault, Red Bull e McLaren, che useranno la stessa unità di potenza specifica del team di lavoro.

Sviluppato congiuntamente tra Enstone, Regno Unito (telaio) e Viry-Chatillon, Francia (unità di potenza), la RS18 è il terzo telaio della Renault dal suo ritorno in Formula 1 come entrata completa nel 2016. Secondo il team l’auto è un progressione e perfezionamento dei concetti sviluppati durante la stagione 2017, tra cui un concetto di sospensione migliorato e una maggiore aerodinamica del carico aerodinamico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oltre a un nuovo paintjob dinamico, il modello R.S.18 è dotato anche della nuova protezione del pozzetto per il nuovo anno 2018 e di una copertura del motore ri-profilata per soddisfare i requisiti tecnici del 2018.

Il presidente della Renault Sport Racing, Jérôme Stoll, ha dichiarato: “L’ambizione di Renault Sport Formula One Team è chiaramente quella di mantenere l’eccezionale record del passato e la stagione 2017 ha confermato che siamo sulla strada giusta. Siamo una squadra in crescita. Abbiamo due piloti di grande talento che sono affamati di risultati. Enstone viene rigenerato e la forza lavoro è già aumentata di oltre il 35%. Il nostro investimento è stato finora tradotto con successo in pista, dal momento che siamo saliti dal nono al sesto posto nel campionato costruttori nel 2017 e abbiamo concluso l’anno con la quarta vettura più veloce. ”

“Il successo del programma in soli due anni testimonia il piano elastico stabilito all’inizio della creazione della squadra e il forte lavoro svolto da Cyril e da tutti i team di Renault Sport Racing. Sono convinto che il terzo anno ci porterà un passo più vicino all’obiettivo a lungo termine: vincere le gare e sfidare i campionati “.

“Abbiamo tutto per essere positivi”

Le parole di Stoll sono state riprese da Cyril Abiteboul, l’amministratore delegato di Renault Sport Racing: “L’anno scorso ha avuto successo in molti modi. Era il secondo anno della nostra ricostruzione e un ulteriore passo avanti verso i nostri piani e obiettivi a lungo termine.

“Il 2016 è stato incentrato sul reclutamento, sull’investimento, sul lancio di nuovi sponsor, nuovi talenti e sulla costruzione del nostro marchio. Nell’ultimo anno ho visto progressi in molte aree: dal nono al sesto posto in classifica, in molte gare eravamo spesso il quarto più veloce squadra sulla griglia Questo è un testamento alla nostra guida, impegno e adesione a un piano molto ambizioso: è stata una progressione quantificata verso ciò che vogliamo diventare e sfidare i migliori team.

“Abbiamo tutto per essere positivi quest’anno. Abbiamo due piloti molto talentuosi e ambiziosi. L’anno scorso Nico ci ha fornito esattamente ciò di cui avevamo bisogno con la sua esperienza, conoscenza e capacità di guidare sia fuori che dentro la pista. Carlos si è unito a noi alla fine della stagione e ha portato qualcosa di fresco, e ha segnato punti per aiutarci nella battaglia dei Costruttori. Senza quello non avremmo finito dove abbiamo finito.

“Il nostro obiettivo principale è mostrare la progressione continua attraverso i risultati. Vogliamo essere in grado di mostrare la nostra progressione sotto ogni aspetto; centralina, chassis, operazioni, driver. Tutto deve migliorare e noi dobbiamo continuare a crescere. Vogliamo dimostrarlo in molti modi diversi, dai team con cui gareggeremo direttamente, fino al divario con i leader, inclusi anche la nostra base di fan e il rispetto che il nostro team ispirerà nel nostro modo di comportarci bene e fuori dal percorso. ”

I piloti sono desiderosi di andare avanti

L’R.S.S.18 verrà dato al debutto in pista quando i test pre-stagione prenderanno il via a Barcellona la prossima settimana, con Hulkenberg e Sainz pronti a vedere se può portare la squadra al livello successivo.

“Quando ho visitato Enstone e ho visto tutto in corso con lo sviluppo della R.S.18, sono molto entusiasta della stagione che ci attende”, ha dichiarato Hulkenberg. “Aggiungilo alle notizie di Viry sullo sviluppo dell’unità di potenza e tutto sembra e suona bene; è tutto positivo e ci sono tempi entusiasmanti. Mi sento positivo e ottimista in me stesso.

“Siamo in una buona posizione, per quest’anno vogliamo costruire sulla buona piattaforma della scorsa stagione, il 2017 riguardava la biancheria da letto, ora voglio prepararmi per andare, ho un buon feeling, abbiamo messo il lavoro durante l’inverno e il duro lavoro di solito ripaga, non vedo l’ora di uscire da lì, mettimi in macchina “.

“L’approccio generale è di lavorare di più ogni giorno per continuare su una tendenza positiva”, ha aggiunto Sainz. “L’obiettivo principale è sicuramente quello di fare un passo avanti, sia come pilota che come team. È difficile prevedere quanto sarà grande quel passo, tuttavia sono fiducioso perché ho spinto molto durante l’inverno e so che tutti in fabbrica stanno dando il massimo. Sono convinto che questa sarà una stagione entusiasmante. ”

 

 

telaio Monoscocca in composito a nido d’ape in alluminio e fibra di carbonio, prodotta da Renault Sport Formula One Team e progettata per la massima resistenza con il minimo peso. Unità di alimentazione Renault Sport installata come membro completamente sollecitato.
Sospensione anteriore I bracci oscillanti superiori e inferiori in fibra di carbonio azionano un bilanciere interno tramite un sistema di aste di spinta. Questo è collegato a barre di torsione e unità di smorzamento che sono montate all’interno della parte anteriore del monoscafo. Montanti in alluminio e ruote in magnesio lavorate OZ.
Sospensioni posteriori Bracci trasversali superiori e inferiori in fibra di carbonio con barre di torsione azionate da tiranti e unità montate su serrande montate trasversalmente all’interno della scatola del cambio. Montanti in alluminio e ruote in magnesio lavorate OZ.
trasmissione Cambio semi-automatico in titanio a otto velocità con retromarcia. Sistema “Quickshift” in funzione per massimizzare la velocità dei cambi marcia.
Sistema di alimentazione Cella a combustibile in gomma rinforzata con Kevlar di ATL.
elettrico Unità di controllo elettronico standard MES-Microsoft.
Sistema di frenatura Dischi e pastiglie di carbonio. Calibri di Brembo SpA Master cilindri di AP Racing.
cabina di pilotaggio Sedile del conducente rimovibile in composito di carbonio formato anatomicamente, con cintura di sicurezza a bretella a sei punti. Il volante integra levette cambio, paddle frizione e regolatore dell’ala p

 

Luigi Gueli

Classe 1996. Studente di Ingegneria Aerospaziale.
Da sempre nutre la passione per tutto ciò che ammette movimento, 4 e 2 ruote comprese.

You may also like...